Violinisti famosi: chi sono?

Il violino è uno degli strumenti a corde più intriganti ed affascinanti. La sua storia ha radici molto longeve, che risalgono al 1523, quando nel registro della tesoreria di Savoia apparve la parola “violino” per la prima volta. Negli anni a seguire il violino ha trovato la sua diffusione in tutta Europa, arrivando in Italia già prima del 1530 e raggiungendo il culmine della sua diffusione proprio in Italia, grazie ad Andrea Amati ed Antonio Stradivari. Gli stessi realizzarono il celebre violino che porta l’omonimo nome “Stradivari”, divenendo forse il violino più richiesto al mondo.

Data la diffusione di questo strumento, la storia ha visto nascere e morire tantissimi talenti. Agli stessi sono associate composizioni e melodie uniche nel loro genere, legate ad uno strumento che non ha mai visto finire la sua fama, sfornando talenti anche al giorno d’oggi.

Violinisti famosi nella storia

Come accennato in precedenza, la storia ha visto nascere tantissimi violinisti, alcuni dei quali, in particolare, hanno segnato dei punti di svolta nella storia di questo strumento.

Vivaldi

Primo fra tutti, Antonio Vivaldi, nato nel 1678 e morto nel 1741. Vivaldi, figlio di violinista, non aveva intrapreso da subito lo studio di questo strumento. Era infatti un religioso, appassionato di cultura e tanto altro. Dovette smettere il suo percorso religioso per una serie di problematiche ed eventi. Decise quindi di seguire le orme del padre, diventando uno dei più grandi compositori della storia e praticando l’insegnamento del violino in un conservatorio italiano. Tra le sue opere più famose, non possiamo non nominare:

  • “La stravaganza”
  • “Quattro stagioni”
  • “Orlando furioso”

Mozart

Subito dopo la morte di Vivaldi, venne alla luce forse il più grande violinista e compositore austriaco: Wolfgang Amadeus Mozart. Mozart nacque in una famiglia di musicisti nel 1756 a Salisburgo, per poi morire nel 1791 a Vienna. All’epoca veniva considerato un vero bambino prodigio nell’ambito musicale.

Sono in molti a narrare le sue grandi doti di apprendimento, che gli permisero di imparare a suonare il suo primo strumento musicale a pochissimi anni di vita, componendo il suo primo brano a soli 4 anni. E’ stato un musicista e compositore poliedrico, noto al mondo per le sue doti al pianoforte, ma anche al violino, soprattutto grazie agli insegnamenti paterni. Tra le principali opere di Mozart, dove è presente il violino, troviamo:

  • “Requiem”
  • “Il concerto per violino n° 5”
  • “Il flauto magico”

Paganini

Tra i violinisti italiani di maggior spessore nella storia, non possiamo non nominare il celebre Nicolò Paganini, che ha dato il nome all’omonimo e noto premio Paganini. A soli 5 anni sapeva già suonare splendidamente il violino, divenendo uno dei più grandi violinisti italiani. Divenne così bravo e famoso che si sparse la voce che avesse stipulato un patto col diavolo, voce che causò il rifiuto della Chiesa della sua inumazione. Tra le principali opere del noto artista genovese ricordiamo:

  • “Concerto n° 1 per violino e orchestra”
  • “24 capricci per solo violino”
  • “Duetto amoroso per violino e mandolino”

Violinisti famosi contemporanei

Anche la storia moderna è piena di musicisti che hanno trovato nel violino la loro passione.

Stern

Tra questi troviamo Isaac Stern, violinista di origine ucraina, nato a Kremenec nel 1920. A soli 8 anni già suonava splendidamente il violino. Riuscì poi ad entrare alla San Francisco Symphony Orchestra nel 1934, che accompagnò la sua scalata verso il successo, che a sua volta gli permise di essere considerato uno dei maggiori violinisti della storia contemporanea. Dal 1960 divenne presidente della Carniage Hall di New York.

Menuhin

Degno di nota è sicuramente il violinista newyorkese Yehudi Menuhin. Figlio di ebrei e di una famiglia di musicisti di successo, iniziò a suonare il violino a soli 3 anni, guidato dal maestro Sigmund Anker. Un vero e proprio enfant prodige, che a soli 7 anni diede il suo primo concerto con la San Francisco Simphony Orchestra. Durante la Seconda Guerra Mondiale suonò oltre 500 concerti, così da tenere alto il morale delle truppe al fronte. E’ divenuto, inoltre, presidente del consiglio internazionale della musica dell’Unesco.

Malikian

Ara Malikian è uno dei più noti enfant prodige della nostra storia. Nato a Beirut nel 1968, figlio di un noto violinista, divenne lo studente di violino più giovane della Hochschule für Musik, Theater und Medien Hannover di Berlino, grazie alla vincita di una borsa di studio a soli 15 anni. A 12 anni, si era già esibito nel suo primo concerto.

E’ noto per la sua capacità nell’unire più culture diverse, contaminando e rivoluzionando la musica classica. I suoi concerti sono vere e proprie performance che toccano generi musicali diversi. Sono in molti a vedere in lui uno dei più grandi artisti, ancora in grado di poter offrire nuove emozioni.

Violinisti famosi – Giovani promesse

L’incanto del violino, fortunatamente, non è morto con il passare del tempo. Sono diversi i giovani che si sono interessati allo studio di questo strumento, mostrando passione e talento al mondo odierno.

Stirling

Tra le più giovani violiniste in voga al momento troviamo Lindsay Stirling, americana nata a Santa Ana in California nel 1986. Ha iniziato a suonare il violino all’età di 6 anni, mostrando l’interesse per questo strumento già a 5 anni. Viene conosciuta per la partecipazione ad America’s got Talent, programma che le permise di farsi notare dal regista David Graham, rappresentante uno dei principali trampolini di lancio dell’artista. Tra i suoi maggiori successi troviamo la colonna originale di Zelda ed alcune collaborazioni video con Rihanna. Risultati notevoli, raggiunti con costanza, impegno, passione e tanta perseveranza.

Ziyu He

Classe 1999, troviamo Ziyu He, un giovane violinista cinese naturalizzato austriaco, dal grande talento. Iniziò lo studio del violino a soli 5 anni, a 15 anni vinse un Eurovision, per poi vincere l’anno successivo il primo premio del concorso Yehudi Menuhin, svoltosi a Londra. Dato il suo successo, nel 2017 venne chiamato ad esibirsi al Musikverein di Vienna, divenendo il più giovane musicista solista della storia dell’associazione. Ha collezionato numerosi concerti, risultando anche un compositore di grande classe. Sono in molti a vedere in lui una giovane promessa del violino, con ancora molto da poter offrire.

Lascia una risposta